Aeroporto di Olbia Costa Smeralda  |  Karasardegna - Prodotti Tipici
 
  News: 
TUTTE LE NEWS DI CIAOSARDINIA - RIVIVI TUTTI GLI EVENTI IN SARDEGNA DAL 2005 A OGGI!        Doggie Beach       
 
Home
Hotel  Voli Auto Vacanze Escursioni Traghetti  Prodotti Tipici
Offerte speciali»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Cosa fare»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Eventi e tradizioni»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Mangiare e Divertirsi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Dove dormire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Come muoversi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
L'Isola da scoprire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Informazioni di viaggio»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Contatti utili»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Photogallery»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Sardegna
 
Est - EastNord Est - North EastNord Ovest - North WestOvest - WestSud Est - South EastSud Ovest - South West
Area riservata Stampa
Da Bosa lungo la penisola del Sinis  
 
Bassa stagione  € 324
Mezza pensione
Prezzo a persona
 
Da Bosa lungo la penisola del Sinis
Oristano

OR [Oristano]

Tel. +39.0789.641074

booking@betogo.com

 
Richiesta disponibilità
clicca per vedere la foto
 

L’itinerario si snoda tra molteplici luoghi di incredibile bellezza dove la natura convive con le preziose testimonianze storico-archeologiche. Bosa, sorta nella valle del fiume Temo, è uno splendido risultato del connubio tra il paesaggio aspro e selvaggio, i bastioni a picco sul mare e le piccole insenature rocciose. A poca distanza nel territorio di Cabras, la penisola del Sinis conserva ancora oggi le testimonianze di una fiorente attività commerciale iniziata dai fenici, fondatori della città di Tharros, proseguita poi dai romani e sopravvissuta fino all’epoca alto-medioevale. Proseguendo verso Oristano, capitale del potente Giudicato di Arborea che si affaccia sull’omonimo golfo, giungeremo a Fordongianus, sede delle antiche terme romane oggi ampiamente ristrutturate.

Day 1: Bosa
La cittadina di Bosa fu abitata fin dall’epoca fenicia e poi colonizzata dai romani; sorge nella valle del fiume Temo, l’unico fiume navigabile in Sardegna. E’ nota per la lavorazione del corallo, dei tessuti e dei ricami in filet e per l’ottimo vino Malvasia. Di interesse storico è il castello dei Malaspina che sorge sul colle di Serravalle; esso contiene al suo interno la Chiesa di Nostra Signora di Regnos Altos che conserva affreschi della scuola catalana. Percorrendo la via Sant’Antonio Abate si raggiunge la chiesa romanica di San Pietro extra-muros costruita intorno al 1073 e il 1300 a cui fu affidato il ruolo di cattedrale. Nella Pinacoteca Comunale le opere del pittore, decoratore e ceramista Melkiorre Melis, uno dei principali promotori delle arti applicate in Sardegna.
Dopo il pranzo partirà l’escursione nella riserva naturale di Badde Aggiosu, Marrargiu e Monte Mannu. Gli amanti del trekking e del birdwatching saranno deliziati da questo percorso.
Tornati in città si visiterà la spiaggia di Bosa Marina da cui ammirare la Torre in stile aragonese del Porto dell'Isola Rossa. Molto famosa è la strada della Malvasia: un percorso enoturistico di circa 12 km che si snoda tra Tinnura, Flussio, Modolo e Bosa.

Day 2: Cabras - Oristano
Da Bosa si partirà in direzione di Oristano passando per Cabras e l’incantata Penisola del Sinis.
Una prima tappa sarà il lungo arenile di Is Arenas che circondato da un’ampia pineta culmina nel magnifico arco naturale di roccia “S’Archittu”, alto 15 metri. Tappa successiva San Salvatore, villaggio dove sono stati girati numerosi film western italiani e dove la chiesa custodisce un santuario ipogeico che sorge in un antichissimo luogo di culto delle acque. Negli ambienti sotterranei sono infatti conservati disegni, pitture e iscrizioni di età romana. A poca distanza si trova la chiesa di San Giovanni di Sinis e le rovine dell’antica città di Tharros che sorgeva all’estremità della penisola del Sinis sull’istmo di Capo San Marco con una splendida vista sul Golfo di Oristano.
Tharros era una città fenicia fondata tra il IX e il VII secolo a.C. molto importante per le sue floride attività commerciali con i paesi del Mediterraneo. Al suo interno si possono osservare i resti delle terme, due necropoli e un tophet. A poca distanza dalle rovine si trova l’Area Marina Protetta “Penisola del Sinis – Isola di Mal di ventre”, dove merita una visita la spiaggia di Is Aruttas composta da detriti di quarzo bianco. Nel centro storico di Cabras si potrà ammirare la Chiesa di Santa Maria Assunta edificata nel 1600 e la Chiesa di San Giovanni Salis eretta su un vecchio cimitero pagano. Il Museo Civico saprà appassionare il visitatore attento con i numerosi reperti dell’antica città di Tharros. Durante la visita alla cantina Contini sarà possibile degustare la vernaccia e altri vini locali per aperitivo.

Day 3: Oristano - Fordongianus
Affacciata sull’omonimo golfo, Oristano è stata capitale del potente Giudicato di Arborea. Da Piazza Mannu, dove si apriva una delle porte medievali della cinta muraria, si giunge alla cattedrale di Santa Maria. Proseguendo in via Duomo si raggiunge la chiesa di San Francesco che conserva opere medievali importanti. In piazza Roma si può osservare la torre medievale di San Cristoforo che conserva ancora l’originale campana quattrocentesca che scandiva gli avvenimenti della comunità. Potrete ammirare anche la Chiesa convento del Carmine, la Chiesa gotica di Santa Chiara e l’Antiquarium Arborense che ospita importi reperti archeologici e prestigiose opere d’arte.
Il pomeriggio sarà dedicato alla visita dell’antica città di Forum Traiani, la città romana più importante dell’interno isola, nata per volontà dell’imperatore Traiano. Di questa città rimangono solo le terme romane “Aquae Ypsitanae” disposte sulle sponde del fiume Tirso, con vasche alimentate da sorgenti d’acqua calda e fredda.  Il paese di Fordongianus si caratterizza per l’inconfondibile colore delle sue abitazioni: il rosso carico della vulcanite locale accuratamente sagomata nella gran parte degli edifici religiosi e delle architetture domestiche della zona. Sulla via Traiano sorge Casa Madeddu, un’antica casa Aragonese del primo ‘600 con portali e finestre in stile catalano. Non lontano si trova la cinquecentesca chiesa di San Pietro Apostolo in  trachite rossa.
All’esterno del centro abitato si può osservare la chiesa romanica di San Lussorio. 

 
 

Sardegna:
In hotel  |  In residence  |  In villaggio turistico  |  In casa vacanze  |  In campeggio  |  In agriturismo  |  In bed and breakfast  |  Voli

Vacanze Sardegna
 

Powered by Thaos - ToBeABee
Mappa del sito  |  Contattaci  |  Cookies

© 2003-2012 Geasar S.p.A.
P.IVA IT 01222000901
All rights reserved