Aeroporto di Olbia Costa Smeralda  |  Karasardegna - Prodotti Tipici
 
  News: 
TUTTE LE NEWS DI CIAOSARDINIA - RIVIVI TUTTI GLI EVENTI IN SARDEGNA DAL 2005 A OGGI!        Doggie Beach       
 
Home
Hotel  Voli Auto Vacanze Escursioni Traghetti  Prodotti Tipici
Offerte speciali»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Cosa fare»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Eventi e tradizioni»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Mangiare e Divertirsi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Dove dormire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Come muoversi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
L'Isola da scoprire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Informazioni di viaggio»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Contatti utili»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Photogallery»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Sardegna
 
Est - EastNord Est - North EastNord Ovest - North WestOvest - WestSud Est - South EastSud Ovest - South West
Area riservata Stampa
COMPLESSO NURAGICO DI CABU ABBAS  
COMPLESSO NURAGICO DI CABU ABBAS
Olbia

SS [Sassari]

 
Richiesta disponibilità
clicca per vedere la foto
 

POSIZIONE: Olbia (Nord-Est Sardegna)

PERIODO STORICO: (1600-1300 a.C.)

Il popolo nuragico conferma di essere una delle più misteriose e affascinanti culture mai esistite. Quali altri popolazioni hanno infatti regalato tanti misteri, in un territorio così relativamente piccolo? Di dubbi archeologici il mondo ne ha tanti: dalle piramidi egiziane, a quelle dei Maya; dalle statue dell’isola di Pasqua, alle linee di Nazca del Perù. Tanti e bellissimi enigmi che appassionano i curiosi da millenni. La Sardegna, però, di misteri archeologici ne ha tanti: Tombe dei Giganti, Menhir, Domus de Janas, Dolmen, Pozzi nuragici, Fonti sacre e, soprattutto, i Nuraghi.
Queste singolari costruzioni megalitiche sono disseminate per tutta l’isola. In passato se ne potevano contare più di 20000, ora ne sono rimaste circa 8000. Il numero è solo indicativo, perché è probabile che molte altre antiche torri siano conservate sotto metri di terra, come nel caso della reggia nuragica di Barumini, nascosta sotto 30 metri di terra fino agli anni 50 del ‘900.
I nuraghi sono torri costruite a tholos (falsa cupola), secondo una tecnica che prevede grossi blocchi di pietra alla base, sovrapposti a secco e in maniera circolare. Per costruire i nuraghi è ipotizzabile che i nuragici utilizzassero dei terrapieni inclinati e man mano che la struttura cresceva in altezza, venivano utilizzate pietre sempre più piccole e più lavorate. Le torri più grandi potevano raggiungere un’altezza di 20 metri e alla loro sommità era probabilmente presente una terrazza (protetta da un parapetto), raggiungibile grazie a una scala elicoidale. Per far luce all’interno del nuraghe venivano lasciate delle feritoie tra un masso e l’altro. L’ingresso dei nuraghi era quasi sempre orientato a Sud ed era seguito da un corridoio, che portava alla camera centrale.

Uno dei nuraghi più particolari del nord Sardegna lo si può trovare a pochi chilometri da Olbia. Si chiama Cabu Abbas (o Riu Mulinu) e la sua caratteristica più suggestiva è la sua posizione. Il nuraghe si trova infatti su un picco roccioso del massiccio montuoso che domina il Golfo di Olbia, a 246 metri sul livello del mare. Arrivati sulla vetta, ci si spiega facilmente il motivo che ha spinto il popolo nuragico a scegliere proprio questo punto, per costruire il loro nuraghe. Da tutta l’area è infatti possibile avere una visuale vastissima. È quindi probabile che questa postazione venisse utilizzata per controllare l’arrivo di eventuali imbarcazioni nemiche. In ogni caso, non è da escludere che il nuraghe venisse utilizzato anche per altri scopi, come quelli religiosi, legati al culto dell’acqua. Questo spiegherebbe il ritrovamento, nel corso degli scavi del 1936, di un bronzetto nuragico che raffigura una donna con un’anfora sulla testa.
Il complesso nuragico di Cabu Abbas è caratterizzato dalla presenza di un’ampia muraglia di recinzione lunga 220 metri, per un’altezza e una larghezza che raggiungeva fino a quasi 5 metri. La sua struttura è stata adattata alla morfologia del sito così la cinta muraria ingloba i tanti spuntoni rocciosi che si trovano lungo il suo perimetro. La muraglia aveva due ingressi: uno a Nord e l’altro a Sud.
All’interno della cinta muraria si trova il piccolo nuraghe monotorre a pianta circolare, realizzato con massi di granito e caratterizzato da un andito che presenta sulla destra una piccola nicchia e sulla sinistra la scala che portava al piano superiore, andato distrutto.
La camera centrale presenta due nicchie posizionate l’una di fronte all’altra ed un pozzo profondo circa 3 metri.

COME ARRIVARE: Una volta arrivati alla frazione Osseddu-Olbia 2, si prosegue lungo una strada in cemento, per raggiungere un piazzale con una fontana. Da lì si prosegue a piedi per circa 400 metri, lungo un sentiero in salita, fiancheggiato da una staccionata in legno.

 
Servizi offertiVisualizza la legenda
 
ParcheggioEscursioni
 
 

Sardegna:
In hotel  |  In residence  |  In villaggio turistico  |  In casa vacanze  |  In campeggio  |  In agriturismo  |  In bed and breakfast  |  Voli

Vacanze Sardegna
 

Powered by Thaos - ToBeABee
Mappa del sito  |  Contattaci  |  Cookies

© 2003-2012 Geasar S.p.A.
P.IVA IT 01222000901
All rights reserved