Aeroporto di Olbia Costa Smeralda  |  Karasardegna - Prodotti Tipici
 
  News: 
Navetta turistica dal centro di Arzachena ai siti archeologici        TUTTE LE NEWS DI CIAOSARDINIA - RIVIVI TUTTI GLI EVENTI IN SARDEGNA DAL 2005 A OGGI!        Doggie Beach       
 
Home
Hotel  Voli Auto Vacanze Escursioni Traghetti  Prodotti Tipici
Offerte speciali»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Cosa fare»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Eventi e tradizioni»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Mangiare e Divertirsi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Dove dormire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Come muoversi»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
L'Isola da scoprire»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Informazioni di viaggio»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Contatti utili»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Photogallery»
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Sardegna
 
Est - EastNord Est - North EastNord Ovest - North WestOvest - WestSud Est - South EastSud Ovest - South West
ESCURSIONE A TISCALI
 

Un incredibile viaggio nel villaggio nuragico di Tiscali, dentro il suo fascino, dentro i suoi misteri
Continua...
 
I SEGRETI DI OLBIA
 

Un'escursione per scoprire i dintorni di Olbia, ricchi di luoghi incredibili e misteriosi.
Continua...
 
LA LUNA NEL POZZO
 

Il pozzo di Santa Cristina: tante piccole coincidenze che regalano un grande mistero.
Continua...
 
LA FONTE DEL TEMPO
 

Misteri nuragici: Alla scoperta del pozzo sacro meglio conservato di tutta la Sardegna.
Continua...
 
LA SCOPERTA DEI GIGANTI
 

S'Ena e Thomes di Dorgali: una delle tombe dei giganti meglio conservate dell’isola.
Continua...
 
Area riservata Stampa
L'isola da scoprire: Storia
I primi sardi:
La presenza umana in terra sarda risale al paleolitico inferiore (tra i 500.000 e i 100.000 anni fa). Ma è con il neolitico (6000 - 2700 a.C.) che iniziano a svilupparsi le prime civiltà, come quella di Bonu-Ighinu (fino al 3500 a.C.) e soprattutto la civiltà di Ozieri, o di San Michele, che arriva fino al 2700 a.C. I neolitici sardi vivono nelle grotte e, oltre alla caccia, praticano l’agricoltura, la pesca e l’allevamento. Sono piuttosto abili nell’arte della ceramica, della tessitura e della scultura e iniziano a costruire le prime architetture megalitiche e funerarie (dolmen, menhir e domus de janas). Nella fase finale del neolitico (fino al 1600 a.C.), si sviluppano altre due civiltà ceramiche (quella di Monte Claro e di Bonnanaro), che lavorano prima il rame e poi il bronzo.
 
La civiltà nuragica:
Tra l’età del bronzo e quella de ferro (dal 1800 al 500 a.C.) si colloca il lungo periodo storico che vede protagonista la misteriosa civiltà nuragica. Quasi 8000 nuraghi, circa 400 tombe dei giganti e un numero ancora imprecisato di pozzi sacri sono la dimostrazione dell’imponenza di questa civiltà. I famosi bronzetti nuragici (che raffigurano anche navicelle molto evolute) e i ritrovamenti archeologici (come le raffigurazioni del popolo Shardana nel tempio egiziano di Medinet Abu) dimostrano come il popolo nuragico dominasse l’intero Mediterraneo. Le teorie di Sergio Frau, giornalista e autore del libro “Le Colonne d’Ercole, un’inchiesta” hanno ipotizzato che la Sardegna fosse la potentissima isola di Atlante. Teorie appoggiate da eminenti studiosi e archeologi di tutto il mondo.
 
Il periodo fenicio:
Tra il X e l’VIII secolo a.C., le popolazioni fenicie scelgono la Sardegna come punto cruciale dei loro commerci. Dopo un lungo periodo di ottimi rapporti tra le due civiltà, intorno al 535 a.C., i sempre più potenti Cartaginesi tentano di conquistare militarmente l’isola. Dopo feroci battaglie, alla fine del secolo riescono nell’impresa. Sotto il dominio cartaginese si sviluppano centri come Karalis (l’attuale Cagliari), Nora, Solki (Sant’Antioco), Bosa e Tharros.
 
Il periodo romano:
Dopo una lunga battaglia contro i sardo-fenici, Roma riesce a conquistare la Sardegna, anche se si impossessarono definitivamente dell’isola solo nel 214 a.C. La convivenza con i sardi non è però facile, anche perché i romani sono visti come conquistatori. La Sardegna diventa comunque, tra una rivolta e l’altra, il granaio di Roma.
 
Il periodo bizantino:
Alla caduta dell'Impero romano, la Sardegna è occupata dai Vandali per circa 80 anni, fino alla presa di potere dei Bizantini nel 534 d.C. La dominazione ha un grande influsso sulla popolazione sarda, affermando il culto dell’imperatore Costantino (Santu Antine). In suo onore, a Sedilo, ogni anno si corre la cavalcata (s’Ardia).
 
Dai vandali alle repubbliche marinare:
Nel IX secolo i Sardi respingono le invasioni dei vandali, conquistano l’autonomia e si organizzano politicamente attraverso la costituzione di governi locali, detti Giudicati. Questa organizzazione trova ancora oggi riscontro sia nella attuale divisione delle province, sia nel diritto sardo, i cui fondamenti vennero introdotti proprio dalla regina Eleonora D’Arborea con la “Carta de logu”: una raccolta di leggi.
Nell'XI secolo la Sardegna è però minacciata dagli Arabi e deve chiedere aiuto alle Repubbliche Marinare di Genova e Pisa. La Repubblica di Pisa ottiene così una sorta di alta sovranità commerciale, ma non politica, sull’isola.
 
Gli aragonesi e il Regno Sardo Piemontese:
Durante il XIV secolo inizia il dominio aragonese in Sardegna, che ben presto, con la fusione tra le famiglie di Castiglia ed Aragona, si trasforma nell’occupazione Spagnola, con un sistema feudale controllato da famiglie nobili spagnole.
Con il declino degli Spagnoli, la Sardegna passa poi nelle mani degli Asburgo (1714) che la cedono quattro anni dopo al Ducato di Savoia. I Piemontesi la occuparono nel 1720. Sotto il loro dominio, viene abolito anche il feudalesimo (1835). Nel 1847 viene abolita l'autonomia dell’isola, per formare il Regno Sardo Piemontese, primo nucleo del futuro Regno d’Italia.
 
Dalla I Guerra Mondiale ai giorni nostri:
Dopo la fine della guerra nasce il Partito Sardo d’Azione, portavoce dei bisogni della popolazione, con intenti autonomisti. Con l’avvento del fascismo,sull’isola vengono realizzati alcuni bacini e la diga del Tirso, ma l’economia rimane debole.
Solo con il riconoscimento alla Sardegna da parte dello stato della Regione Autonoma a Statuto Speciale (1947) si sono messe le premesse per il rilancio sociale ed economico dell’isola.
 
 

Sardegna:
In hotel  |  In residence  |  In villaggio turistico  |  In casa vacanze  |  In campeggio  |  In agriturismo  |  In bed and breakfast  |  Voli

Vacanze Sardegna
 

Powered by Thaos - ToBeABee
Mappa del sito  |  Contattaci  |  Cookies

© 2003-2012 Geasar S.p.A.
P.IVA IT 01222000901
All rights reserved